Giovedì, 22 Giugno 2017 16:54

Attacchi informatici: sei sicuro di non c'entrare anche TU?

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Se si considera una rete di computer (anche un semplice computer, come il tuo PC di casa), un malware necessita di penetrare una serie di strati prima di riuscire ad attecchire!

Lo strato più esterno (dopo che tutte le barriere tecnologiche sono intervenute), consiste negli utenti stessi.

Dopotutto, ci vuole l'interazione di un utente al fine di avviare e/o consentire un'intrusione nella rete. Questo avviene solo dopo che l'utente ha cliccato o visitato un link/sito infetto e dopo che i livelli secondari e terziari (firewall, antivirus) hanno svolto il loro sporco lavoro.

Quindi bisogna rafforzare la prima linea di difesa: il fattore umano!

Fino ad oggi i firewall, la tecnologia, gli antivirus, sono state le soluzioni a questo tipo di situazioni. Tutto questo da solo non è più sufficiente! Gli utenti devono essere formati e resi consapevoli in prima persona.

I vari strati fatti di tecnologia e software servono a ridurre la superficie di attacco e cioè a tenere fuori l' 80% di spam, malware e siti che non hanno niente a che fare con ciò che realmente è a te destinato.

In questo modo la percentuale di rischio che accada un incidente si riduce di molto (rischi di cliccare solo sul 20% che è già stato controllato e filtrato).

Nel mio articolo appena pubblicato su www.miranomagazine.it, spiego, nei corsi di formazione che tengo per le aziende e che hanno per titolo "Importanza del fattore umano in ambito sicurezza IT", come si può imparare ad "immunizzarsi" di fronte a questi attacchi avanzati.

Insegno ad individuare i segnali specifici del potere persuasivo di chi cerca di convincerti a cliccare affinché (TU o la tua organizzazione) non diventiate le prossime vittime del Cyber Crime...

...che per i soldi (BITCOIN) non guardano in faccia nessuno ed attaccano indistintamente qualunque obbiettivo.

Dietro ad ogni tecnologia c'è sempre una persona che la utilizza!
Meglio se preparata.

 

per chi volesse contattarmi:

  • inviami una richiesta di contatto su LinkedIn, usando la mia mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

contattami tramite la mia pagina Facebook www.facebook.com/stefano.benato

Letto 560 volte Ultima modifica il Venerdì, 23 Giugno 2017 12:43